Forum Psichiatrico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Vareniclina, un’opzione nella cessazione dell’abitudine al fumo


Le attuali terapie per la cessazione dell’abitudine al fumo presentano un limitato successo.

La Vareniclina ( Chantix ) è un nuovo agonista parziale del recettore nicotinico, sviluppato per la cessazione dell’abitudine al fumo.

Uno studio ha valutato l’efficacia, la tollerabilità e la sicurezza di 3 dosaggi di Vareniclina, in confronto a Bupropione e a placebo.

Fumatori sani, di età compresa tra i 18 ed i 65 anni, sono stati assegnati in modo casuale a: Vareniclina 0.3mg una volta die ( n = 128 ), 1mg una volta die ( n = 128 ) o 1mg due volte die ( n = 127 ), per 6 settimane e placebo per 1 settimana; Bupropione sustained-release ( SR ) 150mg 2 volte die ( n = 128 ) per 7 settimane; oppure placebo ( n = 127 ) per 7 settimane.

Durante la fase di trattamento, la percentuale di cessazione continua dell’abitudine al fumo nelle prime 4 settimane è risultata significativamente più alta nel gruppo trattato con Vareniclina 1mg due volte die ( 48%; p < 0.01 ) e 1mg una volta die ( 37.3%; p < 0.001 ) rispetto al placebo ( 17.1% ). La percentuale di cessazione nel gruppo Bupropione è stata del 33.3% ( p = 0.002 versus placebo ).

La percentuale di cessazione continua, confermata dal test del monossido di carbonio, dalla 4.a settimana alla 52.a era significativamente più alta nel gruppo Vareniclina 1mg 2 volte die, rispetto al placebo ( 14.4% versus 4.9%; p = 0.02 ).
La percentuale del Bupropione è stata del 6.3% ( p = 0.60 versus placebo ).

L’interruzione del trattamento a causa di eventi avversi è stata del 15.9% per il Bupropione, del 14.3-11.2% per la Vareniclina e del 9.8% per il placebo

I dati dello studio hanno dimostrato l’efficacia della Vareniclina sia nel breve periodo ( secondo gli schemi posologici: 1mg due volte die e 1mg una volta die ) sia nel lungo periodo ( secondo lo schema posologico: 1mg due volte die ), nei confronti del placebo. ( Xagena2006 )

Nides M et al, Arch Intern Med 2006; 166: 1561-1568


Psyche2006 Farma2006




Indietro