American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
Xagena Mappa

Sindrome coronarica acuta: la depressione è un fattore di rischio di mortalità


I risultati di un'ampia revisione della letteratura ha indicato che la depressione è un fattore di rischio per la mortalità nei pazienti già affetti da malattie cardiache.

Un Panel di 12 ricercatori dell’American Heart Association ( AHA ) ha messo a confronto lo stato depressivo con gli esiti avversi successivi a sindrome coronarica acuta, considerando la mortalità per qualsiasi causa, la mortalità cardiaca correlata e gli esiti compositi per la mortalità e gli eventi non-fatali.
Sono state riscontrate associazioni di un certo grado tra depressione ed esiti avversi nonostante le diversità demografiche e metodologiche degli studi che sono stati presi in esame.

Il Panel degli Esperti ha evidenziato che i pazienti con primo evento depressivo dopo sindrome coronarica acuta sono da considerarsi a più alto rischio rispetto ai pazienti depressi cronici.
Anche la depressione che non reagisce al trattamento sarebbe associata a un più alto rischio per la salute dei pazienti.

Tra i 53 studi presi in esame, 32 hanno incentrato la propria attenzione sulla mortalità per tutte le cause, 12 hanno misurato solo la mortalità cardiaca, e 22 avevano come endpoint le associazioni composite comprendenti la mortalità e gli eventi non-fatali.
I ricercatori hanno incluso anche quattro meta-analisi che avevano esaminato la depressione come un indicatore per la mortalità nei pazienti con cardiopatia.

Diciassette dei 32 studi che avevano riportato la mortalità per qualsiasi causa hanno dimostrato significative associazioni aggiustate per il rischio, e quattro hanno riportato significative associazioni non-aggiustate tra la depressione e la più alta mortalità per tutte le cause.

I 12 studi che hanno misurato la depressione e la mortalità cardiaca hanno incluso 7 studi che hanno riportato associazioni ponderate per il rischio, e 1 studio che ha riportato una relazione non-aggiustata tra almeno una misura di depressione e la più alta mortalità cardiaca.

Tra i 22 studi di associazione composita, gli Esperti hanno identificato 15 studi che hanno riportato una significativa associazione corretta per il rischio, e 2 che hanno riportato una significativa associazione non-aggiustata tra almeno un sintomo di depressione e un aumento della mortalità o di eventi cardiaci non-fatali.

Tre delle quattro meta-analisi hanno incluso le pubblicazioni fino alla fine del 2003. Gli effetti complessivi non-aggiustati variavano tra 1.8 e 2.6 per la mortalità per qualsiasi causa e tra 2.3 e 2.9 per la mortalità cardiaca.

La meta-analisi finale, che comprendeva le pubblicazioni fino a gennaio 2011, ha riportato effetti non-aggiustati pari a 2.3 per la mortalità per tutte le cause, 2.7 per la mortalità cardiaca e 1.6 per un esito composito che comprendeva sia gli eventi fatali sia quelli non-fatali.

I risultati della revisione globale ha portato il Panel degli Esperti a raccomandare che l'American Heart Association consideri la depressione come un fattore di rischio significativo per la mortalità nei pazienti con sindromi coronariche acute. ( Xagena2014 )

Fonte: Circulation, 2014

Cardio2014 Psiche2014



Indietro