American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
Xagena Mappa

Rischio a lungo termine di demenza tra le persone con lesioni cerebrali traumatiche


Le lesioni cerebrali traumatiche sono state associate a un aumentato rischio di demenza; tuttavia, gli studi su larga scala con un lungo follow-up sono pochi.
È stata studiata l'associazione tra lesioni cerebrali traumatiche, compresa la gravità e il numero di lesioni traumatiche a livello cerebrale, e il conseguente rischio a lungo termine di demenza.

È stato condotto uno studio di coorte osservazionale basato sulla popolazione in Danimarca, utilizzando informazioni sui cittadini dei Registri nazionali.
E' stato utilizzato il sistema di registrazione civile danese per stabilire una coorte basata sulla popolazione composta da tutte le persone nate in Danimarca che vivevano nel Paese nel gennaio 1995 e che avevano almeno 50 anni in un certo momento durante il follow-up ( tra il 1999 e il 2013 ).

Sono state ottenute informazioni sulle lesioni cerebrali traumatiche dal National Patient Register ( NPR ) danese e sono state ottenute informazioni sulla demenza combinando i dati di NPR, Danish Psychiatric Central Register, e Danish National Prescription Registry ( DNPR ).

Il rischio a lungo termine di demenza dopo lesioni da trauma cerebrale è stato stabilito utilizzando l'analisi di sopravvivenza.
Sono stati utilizzati tre modelli prespecificati per ciascuna delle tre analisi: diversi periodi di tempo da lesioni da trauma cerebrale, lesioni cerebrali traumatiche multiple e sesso.
Nel primo modello gli aggiustamenti hanno riguardato i fattori sociodemografici; nel secondo modello per le comorbilità mediche e neurologiche, mentre nel terzo per le comorbilità psichiatriche.

Sono stati utilizzati i dati di una coorte di 2.794.852 persone per un totale di 27.632.020 anni-persona ( media 9.89 anni per paziente ) a rischio di demenza.
132.093 persone ( 4.7% ) hanno avuto almeno una lesione cerebrale traumatica durante il periodo 1977-2013 e 126.734 ( 4.5% ) hanno manifestato demenza incidente durante il periodo 1999-2013.
Il rischio completamente aggiustato di demenza per tutte le cause in persone con una storia di lesione da trauma cerebrale era più alto ( hazard ratio, HR=1.24 ) rispetto a quelle senza una storia di lesioni trumatiche a livello cerebrale, così come è il rischio specifico di malattia di Alzheimer (1.16).

Il rischio di demenza è stato più alto nei primi 6 mesi dopo lesioni da trauma cerebrale ( HR=4.06 ) ed è anche aumentato con un numero crescente di eventi ( 1.22 con una lesione da trauma al cervello fino a 2.83 con 5 o più lesioni ).

Inoltre, il trauma cranico è stato associato a un più alto rischio di demenza ( HR=1.29 ) nelle persone con lesioni da trauma cranico rispetto agli individui con una frattura non-lesione da trauma cerebrale che non coinvolgeva il cranio o la colonna vertebrale.

Più la persona era giovane quando aveva subito una lesione da trauma cerebrale, più alti erano gli hazard ratio per la demenza stratificando dal tempo dalla lesione traumatica a livello cerebrale.

Le lesioni traumatiche cerebrali sono risultate associate a un aumentato rischio di demenza sia rispetto a persone senza una storia di trauma cranico sia a persone con trauma senza lesioni cerebrali.
Sono necessari maggiori sforzi per prevenire le lesioni da trauma cerebrale, e identificare strategie per migliorare il rischio e l'impatto del successivo stato di demenza. ( Xagena2018 )

Fann JR et al, Lancet Psychiatry 2018; 5: 424-431

Psyche2019 Neuro2019



Indietro