Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Nessun beneficio della Minociclina sui sintomi negativi della schizofrenia nei pazienti con psicosi di recente insorgenza


L'antibiotico Minociclina ( Minocin ) ha proprietà neuroprotettive e antinfiammatorie che potrebbero prevenire o invertire i cambiamenti progressivi neuropatici implicati nella schizofrenia di recente insorgenza.
Nello studio BeneMin, è stato replicato il beneficio della Minociclina sui sintomi negativi riportati in precedenti studi pilota per comprendere i meccanismi coinvolti.

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, sono state reclutate persone con un disturbo dello spettro della schizofrenia iniziato negli ultimi 5 anni con sintomi positivi continui provenienti da 12 National Health Service ( NHS ) Trust.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Minociclina ( 200 mg al giorno per 2 settimane, poi 300 mg al giorno per il resto del periodo di 12 mesi ) o corrispondente placebo, aggiunti al trattamento continuativo.

L'endpoint clinico primario era il punteggio sulla sottoscala di sintomi negativi della scala PANSS ( Positive and Negative Syndrome Scales ) nei follow-up al mese 2, 6, 9 e 12.
Gli endpoint primari riguardo ai biomarcatori erano il volume della materia grigia mediale prefrontale, l’attivazione della corteccia prefrontale dorsolaterale durante attività di memoria di lavoro, e la concentrazione di interleuchina 6 ( IL-6 ) nel plasma.

Tra il 2013 e 2015, sono state reclutate 207 persone e sono state assegnate in modo casuale a ricevere Minociclina ( n=104 ) oppure placebo ( n=103 ).
Rispetto al placebo, l'aggiunta di Minociclina non ha avuto alcun effetto sulla valutazione dei sintomi negativi ( differenza dell'effetto del trattamento -0.19, P=0.73 ).

Gli endpoint sui biomarcatori non sono cambiati nel tempo e non sono stati influenzati dalla Minociclina.
I gruppi non differivano nel tasso di gravi eventi avversi ( n=11 nel gruppo placebo e n=18 nel gruppo Minociclina ), che erano principalmente dovuti a ricoveri per peggioramento dello stato psichiatrico ( n=10 nel gruppo placebo e n=15 nel gruppo Minociclina ).

Gli eventi avversi più comuni erano gastrointestinali ( n=12 nel gruppo placebo, n=19 nel gruppo Minociclina ), psichiatrici ( n=16 nel gruppo placebo, n=8 nel gruppo Minociclina ), del sistema nervoso ( n=8 nel gruppo placebo, n=12 nel gruppo Minociclina ) e dermatologici ( n=10 nel gruppo placebo, n=8 nel gruppo Minociclina ).

La Minociclina non ha prodotto benefici in merito ai sintomi negativi o altri sintomi della schizofrenia, al di là dell'aderenza alla cura clinica di routine nella psicosi da primo episodio.
Non c'è stata evidenza di un processo progressivo neuropatico o infiammatorio persistente alla base dei sintomi negativi.
Ulteriori studi sulla Minociclina nella psicosi precoce non sono garantiti fino a quando non vi sarà una chiara evidenza di un processo infiammatorio, come la microgliosi, contro la quale la Minociclina ha dimostrato efficacia. ( Xagena2018 )

Deakin B et al, Lancet Psychiatry 2018; 5: 885-894

Psyche2018 Farma2018


Indietro