WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
OncoGinecologia.net

L'uso di Cocaina causa malattia epicardica microvascolare


I pazienti con una storia di uso a lungo termine di Cocaina hanno tassi più elevati di disfunzione endoteliale coronarica, che può aumentare la sensibilità alle catecolamine con conseguente malattia microvascolare ed epicardica.

Secondo lo studio, tra le droghe illecite, la Cocaina è responsabile del più alto numero di visite nei reparti di emergenza e di ospedalizzazioni.
Al Mount Sinai Hospital Medical Center di Chicago sono stati osservati numerosi pazienti con dolore al petto dopo l’uso di Cocaina.

Si è ipotizzato che gli utilizzatori di Cocaina possono avere normali coronarie epicardiche all'angiografia, ma possono avere angina continua a seguito di disfunzione microvascolare coronarica.

Poiché l'uso di Cocaina è sia simpaticomimetico che protrombotico, la richiesta di ossigeno miocardico aumenta e l'apporto di ossigeno diminuisce con l’uso della droga, potenzialmente con conseguente ischemia miocardica.

Per colmare il divario di conoscenze sugli effetti del consumo cronico di Cocaina sulla microvascolarizzazione, è stato condotto uno studio retrospettivo su 202 consumatori di Cocaina che sono stati sottoposti ad angiografia in un unico Centro tra il 2005 e il 2013.
I pazienti sono stati inclusi nello studio se non presentavano infarto miocardico acuto o recente e malattia coronarica significativa.
Un secondo gruppo di pazienti ( n=210 ) che non erano consumatori di Cocaina sottoposti ad angiografia coronarica sono stati selezionati per lo studio.

Il numero di fotogrammi TIMI ( TIMI frame count ) corretto e il grado di perfusione TIMI per l'arteria discendente anteriore sinistra, l'arteria circonflessa sinistra e l'arteria coronaria destra sono stati analizzati da due angiografi.

I ricercatori hanno scoperto che i dati sul numero di fotogrammi TIMI corretto e il grado di perfusione TIMI suggerivano che la disfunzione microvascolare coronarica era maggiore tra i consumatori di Cocaina rispetto ai non-utilizzatori.

Un grado di perfusione TIMI pari a 0 o 1 era più comune negli utilizzatori di Cocaina rispetto ai non-utilizzatori per tutte e tre le arterie ( P minore di 0.0001 per tutti ).

Tra i pazienti nel gruppo uso di Cocaina, il conteggio dei fotogrammi TIMI corretto è risultato significativamente più alto nella arteria discendente anteriore sinistra ( P=0.026 ) e nell'arteria circonflessa sinistra ( P=0.0362 ), suggerendo un flusso lento attraverso le normali coronarie epicardiche, probabilmente a causa dell'aumentata resistenza microvascolare.

C’è stato un numero significativamente maggiore di pazienti con flusso iperemico ( TIMI frame count corretto inferiore a 14 ) nell'arteria coronaria destra tra i consumatori di Cocaina rispetto ai non-utilizzatori ( P=0.0079 ).

Lo studio ha sottolineato l'importanza della valutazione della microvascolarizzazione coronarica.
I pazienti che abusano di Cocaina con malattia microvascolare possono aver bisogno di essere trattati con antipiastrinici oltre a eliminare la Cocaina.
La gestione medica con antiaggreganti in questi pazienti deve essere ulteriormente studiata. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2018

Cardio2018 Psyche2018



Indietro