EPA 2017
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
Xagena Mappa

L'uso di Cocaina associata a più alta mortalità ospedaliera per emorragia cerebrale


I pazienti che si presentano con emorragia subaracnoidea da rottura di aneurisma hanno una maggiore probabilità di morire in ospedale se hanno recentemente fatto uso di Cocaina.

Rispetto ai pazienti che non hanno avuto alcuna esposizione alla Cocaina, quelli con test delle urine positivo o storia di uso di Cocaina negli ultimi 3 giorni presentano una probabilità quasi tre volte maggiore di morire in ambiente ospedaliero ( 26% vs 17%, odds ratio, OR=2.86 ).

I consumatori di Cocaina hanno anche un rischio maggiore di rottura dell’aneurisma ( 7.7% vs 2.7%, P inferiore a 0.05 ), anche se questo da solo non spiega la differenza di mortalità.

L'uso di Cocaina è fortemente associato con la comparsa di emorragia subaracnoidea aneurismatica, ma finora c’erano scarse informazioni riguardo all’impatto sugli esiti dei pazienti.

Uno studio ha cercato di chiarire questo aspetto; sono stati esaminati i dati di 1.134 pazienti ricoverati presso la Johns Hopkins University con emorragia subaracnoidea da rottura dell’aneurisma nel periodo 1991-2009.
Sono stati esclusi i pazienti con emorragia correlata a trauma o ad altre condizioni, come la malformazione artero-venosa, fistole arterovenose durali, e tumori cerebrali.

Nel complesso, il 12.5% dei casi sono stati associati all'uso recente di Cocaina.

Coloro che hanno fatto uso di Cocaina erano, in media, più giovani ( 49 vs 53 anni, P inferiore a 0.001 ), ma la presentazione clinica era simile a quella dei non-utilizzatori in base alla scala GCS ( Glasgow Coma Scale ), alla classificazione Hunt e Hess, e alla scala World Federation of Neurological Societies.
Non sono emerse differenze tra i gruppi nei tassi di emorragia intraventricolare o di idrocefalo alla tomografia computerizzata della testa al momento del ricovero.

La rottura dell’aneurisma è risultata più frequente tra i consumatori di Cocaina.

Il consumo di Cocaina è associato ad ipertensione, che può avere un ruolo chiave nella rottura aneurismatica. L’iperstimolazione simpatica mediata dalla Cocaina, causa marcato, seppur transitorio, aumento della pressione sanguigna.

Il tasso di un'altra complicanza, ischemia cerebrale tardiva, non era diverso tra i due gruppi dopo aggiustamento per i fattori di confondimento.

Sebbene la mortalità in ospedale sia stata maggiore tra i consumatori di Cocaina, non vi erano differenze nei risultati funzionali tra i sopravvissuti alla dimissione o alla prima visita post-dimissione.
La mancanza di una differenza potrebbe essere spiegata dalle significative differenze di età tra i due gruppi, con i pazienti più giovani che presentavano una maggiore probabilità di recupero delle lesioni neurologiche. ( Xagena2013 )

Fonte: Stroke, 2013

Psyche2013 Neuro2013



Indietro