WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
Xagena Mappa

Le bevande dietetiche zuccherate aumentano il rischio di depressione negli anziani


Il consumo frequente di bevande zuccherate, in particolare bevande dietetiche, è stato associato a un più alto rischio di depressione tra gli anziani.
Il caffè, tuttavia, è stato trovato essere associato a un rischio di depressione leggermente inferiore.

Ricercatori dei National Institutes of Health ( NIH ) hanno esaminato la relazione tra depressione e consumo di bevande dolcificate, caffè e tè, su 263.925 anziani degli Stati Uniti.
Le diagnosi di depressione a partire dal 2000 erano state auto-riferite, e il consumo di bevande è stato valutato nel periodo 1995-1996.

Gli adulti che avevano bevuto almeno quattro lattine o bicchieri al giorno di bevande gassate avevano una maggiore probabilità di sviluppare la depressione rispetto a quelli che non avevano bevuto queste bevande ( odds ratio, OR=1.30 ).

Coloro che avevano bevuto succo di frutta avevano una maggiore probabilità di sviluppare depressione ( OR=1.38 ).

Gli adulti che invece avevano bevuto caffè avevano una minore probabilità di sviluppare la depressione rispetto a quelli che non bevevano caffè ( OR=0.91 ).

Ulteriori analisi hanno indicato che il rischio di depressione era più alto per gli adulti che avevano bevuto bevande gassate dietetiche ( OR=1.31 ) rispetto alle bevande gassate tradizionali ( OR=1.22 ).
Osservazioni simili sono state fatte per succhi di frutta mista dietetici ( OR=1.51 ) versus succhi di frutta mista tradizionali ( OR=1.08 ) e tè freddo zuccherato dietetico ( OR=1.25 ) versus tè freddo tradizionale ( OR=0.94 ).

Dalla ricerca è emerso che la riduzione dell’assunzione di bevande zuccherate dietetiche o la loro sostituzione con il caffè non zuccherato può aiutare a diminuire il rischio di stati depressivi. ( Xagena2013 )

Fonte: American Academy of Neurology, 2013


Psyche2013



Indietro