WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
Xagena Mappa

La Vareniclina, un farmaco per la cessazione del fumo, è associata ad eventi cardiovascolari


In uno studio osservazionale su pazienti a cui era stata prescritta la Vareniclina ( Chantix negli Stati Uniti / Champix nell'Unione Europea ) per smettere di fumare, il trattamento è risultato associato a un aumento del rischio di eventi cardiovascolari.

Dallo studio è emerso che i pazienti dell'Ontario ( Canada ) sottoposti a visita presso il Pronto soccorso od ospedalizzati per un evento cardiovascolare, come un infarto miocardico o un ictus, un anno prima o un anno dopo aver ricevuto una prima prescrizione di Vareniclina avevano una probabilità del 34% maggiore di soffrire di un evento cardiovascolare durante le 12 settimane di terapia con Vareniclina rispetto al periodo precedente o successivo.

Allo stesso modo, i pazienti che erano stati visitati al Pronto soccorso o erano stati ricoverati in ospedale per un evento neuropsichiatrico, come autolesionismo o un episodio bipolare, nel periodo di 2 anni comprendente il momento della prima prescrizione di Vareniclina, avevano una probabilità del 6% maggiore di avere un evento cardiovascolare durante il periodo di terapia; tuttavia, l'aumento del rischio non è risultato significativo.

Negli studi clinici randomizzati, la Vareniclina ha migliorato i tassi di cessazione del fumo più efficacemente rispetto a Bupropione, terapia sostitutiva nicotinica, metodi non-farmacologici e placebo.
Tuttavia, ci sono state segnalazioni contrastanti su un possibile legame con eventi avversi cardiovascolari e neuropsichiatrici.

Per esaminare questo aspetto, sono stati analizzati i dati di 56.851 residenti in Ontario che avevano 65 anni od erano più anziani, che erano coperti dal piano di previdenza sociale quando era stata prescritta la Vareniclina nel periodo 2011-2014.

Sono stati confrontati gli esiti cardiovascolari e neuropsichiatrici dopo prescrizione di Vareniclina per 12 settimane, rispetto al periodo di controllo, che si estendeva 1 anno prima di iniziare l'assunzione di Vareniclina fino a 1 anno dopo ( escludendo le 12 settimane di terapia con Vareniclina e il precedente periodo di induzione di 6 settimane ).

Gli esiti cardiovascolari erano: infarto miocardico acuto, angina instabile, altre cardiopatie ischemiche, ictus ischemico, insufficienza cardiaca, aritmie cardiache e malattia vascolare periferica che hanno portato a una visita al Pronto soccorso o al ricovero in ospedale.

Gli eventi neuropsichiatrici erano autolesionismo intenzionale, episodi depressivi o bipolari, disturbi psicotici, ansiosi, nevrotici o legati allo stress, insonnia, allucinazioni, e segni / sintomi di ostilità e/o agitazione che hanno portato a una visita al Pronto soccorso o al ricovero in ospedale.

Degli oltre 56.000 pazienti con una nuova prescrizione di Vareniclina, 4.185 pazienti hanno sofferto di 5.569 eventi cardiovascolari e 4.720 pazienti hanno presentato 9.460 eventi neuropsichiatrici durante il periodo di 1 anno precedente e successivo alla terapia con Vareniclina, escludendo gli eventi verificatisi durante il periodo di induzione.

Complessivamente, l'incidenza di eventi cardiovascolari è risultata significativamente più elevata durante le 12 settimane di terapia con Vareniclina rispetto al periodo di controllo ( incidenza relativa, 1.34, IC 95%, 1.25-1.44 ).

È stato anche osservato un aumentato rischio relativo nelle analisi di sottogruppi di uomini o donne, pazienti di età inferiore a 65 anni e pazienti con o senza un precedente evento cardiovascolare.

Per contro, l'incidenza complessiva di eventi neuropsichiatrici è stata più elevata durante la terapia con Vareniclina rispetto al periodo di controllo ( incidenza relativa,1.06, IC 95% 1.00-1.13 ), ma senza significatività statistica.

Tuttavia, i pazienti più anziani ( età superiore a 65 anni ) hanno presentato un rischio significativamente aumentato di un evento neuropsichiatrico, principalmente ansia o disturbi dell'umore, con necessità di una visita al Pronto soccorso o ricovero durante il periodo di terapia con Vareniclina di 12 settimane.

Questo studio ha riguardato solo le persone che hanno effettivamente avuto un evento cardiovascolare.
Per la natura osservazionale dello studio, i risultati non sono necessariamente dovuti all'assunzione di Vareniclina.

Smettere di fumare è associato a benefici per la salute, tra cui una riduzione significativa del rischio di malattie cardiache e cancro.
La Vareniclina aumenta la probabilità di smettere di fumare di quasi tre volte, e smettere di fumare riduce significativamente il rischio di avere un evento cardiovascolare, specialmente tra coloro che hanno una storia di malattie cardiovascolari. ( Xagena2017 )

Fonte: American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, 2017

Psyche2017 Cardio2017 Farma2017


Indietro