American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
Xagena Mappa

Interventi per prevenire l’aumento di peso dopo cessazione del fumo


Molte delle persone che smettono di fumare aumentano di peso. Sono stati messi a punto alcuni interventi per ridurre l’aumento ponderale dopo l’interruzione del fumo e alcuni interventi per la cessazione del fumo potrebbero anche limitare l’aumento di peso benché il loro effetto sul peso non sia stato analizzato.

È stata condotta una revisione sistematica degli effetti di:

(1) interventi mirati contro l’aumento ponderale post-cessazione del fumo sul cambiamento di peso e sulla cessazione del fumo

(2) Interventi disegnati per sostenere la cessazione del fumo che potrebbero anche influenzare il peso nel cambio di peso post-cessazione.

Nella parte 1 dell’analisi sono stati inclusi gli studi di intervento diretti contro l’aumento di peso post-cessazione e che hanno incluso misure del peso in qualunque punto di follow-up e/o la cessazione del fumo 6 o più mesi dopo il giorno della cessazione.

Nella parte 2 sono stati utilizzati gli studi già inclusi in revisioni Cochrane prespecificate se riportavano aumento di peso in qualunque momento temporale.

Il cambiamento di peso è stato espresso come differenza nel cambiamento di peso dal basale al follow-up tra i rami dello studio ed è stato riportato solo per chi si è astenuto dal fumo e l’astinenza da fumo è stata espressa come tasso di rischio ( RR ).

Parte 1: alcuni interventi farmacologici testati per limitare l’aumento ponderale post-cessazione hanno portato a una significativa riduzione nell’aumento di peso alla fine del trattamento ( Dexfenfluramina ( differenza media ( MD ) -2.50 kg, 1 studio ), Fenilpropanolamina ( MD -0.50 kg, N=3 ), Naltrexone ( MD -0.78 kg, N=2 ).

Non sono emerse prove che il trattamento abbia ridotto il peso a 6 o 12 mesi e nessun intervento farmacologico ha influenzato in modo significativo i tassi di cessazione del fumo.

La sola educazione alla gestione del peso è risultata associata ad assenza di riduzione dell’aumento di peso post-cessazione al termine del trattamento ( 6 o 12 mesi ).

Tuttavia, questi interventi hanno ridotto significativamente l’astinenza a 12 mesi ( RR=0.66, N=2 ).

Il supporto personalizzato alla gestione del peso ha ridotto l’aumento di peso post-cessazione a 12 mesi ( MD -2.58 kg, N=2 ) e non è risultato associato a una riduzione dell’astinenza a 12 mesi ( RR=0.74, N=2 ).

Una dieta ad apporto calorico molto basso ha ridotto significativamente l’aumento di peso post-cessazione alla fine del trattamento ( MD -3.70 kg, N=1 ), ma in modo non significativo a 12 mesi ( MD -1.30 kg, N=1 ).

La dieta ad apporto calorico molto basso ha aumentato le probabilità di astinenza a 12 mesi ( RR=1.73, N=1 ).

Non sono emerse prove che la terapia cognitivo comportamentale per calmare i dubbi relativi all’aumento ponderale riduca l’aumento di peso post-cessazione, ma ci sono alcune prove di un maggior incremento di peso post-cessazione a 6 mesi ( MD 0.74 ).

Questo è risultato associato a un aumento dell’astinenza a 6 mesi ( RR=1.83, N=2 ) ma non a 12 mesi ( RR=1.25, N=2 ) e tuttavia è stata osservata una eterogeneità statistica significativa.

Parte 2: Non sono emerse prove che interventi di esercizio riducano in modo significativo l’aumento di peso post-cessazione alla fine del trattamento ( MD -0.25 kg, N=4 ) tuttavia è stata osservata una riduzione significativa a 12 mesi ( MD -2.07 kg, N=3 ).

Sia Bupropione sia Fluoxetina hanno limitato l’aumento di peso post-cessazione alla fine del trattamento ( Bupropione: MD -1.12 kg, N=7 ) ( Fluoxetina: MD -0.99 kg, N=2 ).

Non sono emerse prove di una persistenza dell’effetto a 6 mesi ( Bupropione: MD -0.58 kg, N=4 ), ( Fluoxetina: MD -0.01 kg, N=2 ) o 12 mesi ( Bupropione: MD -0.38 kg, N=4 ).

Non sono disponibili dati sull’aumento ponderale a 12 mesi per Fluoxetina.

In generale, il trattamento con terapia di sostituzione della Nicotina ha attenuato l’aumento di peso post-cessazione alla fine del trattamento ( MD -0.69 kg, N=19 ), senza una prova forte di differenza di effetto per differenti forme di terapia di sostituzione della Nicotina.

È stata osservata prova di eterogeneità statistica significativa causata da uno studio che ha riportato una riduzione di 4.3 kg nell’aumento di peso post-cessazione legato a terapia di sostituzione della Nicotina.

Rimuovendo questo studio, la differenza nel cambiamento di peso al termine del trattamento è stata -0.45 kg ( N=18 ) e non sono emerse prove di un effetto sull’aumento di peso post-cessazione a 12 mesi ( MD -0.42 kg, N=15 ).

Sono emerse prove che il trattamento con Vareniclina ha ridotto significativamente l’aumento di peso post-cessazione alla fine del trattamento ( MD -0.41 kg, N=11 ), ma questo effetto non si è mantenuto a 6 o 12 mesi.

Tre studi hanno confrontato l’effetto di Bupropione con Vareniclina.

I partecipanti trattati con Bupropione hanno mostrato un aumento significativamente minore di peso al termine del trattamento ( -0.51 kg, N=3 ) e il confronto diretto non ha mostrato una differenza significativa nell’aumento di peso post-cessazione tra Vareniclina e trattamento di sostituzione della Nicotina.

In conclusione, benché alcune farmacoterapie testate per limitare l’aumento di peso post-cessazione abbiano mostrato evidenze di successo a breve termine, altri problemi ad esse legate e la mancanza di dati sul lungo periodo ne limitano l’uso.
La sola educazione per la gestione del peso non è efficace e potrebbe ridurre l’astinenza.
Un supporto personalizzato per la gestione del peso potrebbe essere efficace e non ridurre l’astinenza, ma i dati disponibili sono troppo scarsi per esserne sicuri.
Uno studio ha mostrato che una dieta con apporto calorico molto basso aumenta l’astinenza, ma non previene l’aumento di peso nel più lungo periodo.
La terapia cognitivo comportamentale per l’accettazione dell’aumento di peso non ha limitato l’aumento di peso post-cessazione e potrebbe non promuovere l’astinenza nel lungo periodo.
Interventi di esercizio fisico hanno ridotto in modo significativo il peso a lungo termine, ma non a breve termine.
Servono più studi per chiarire se questo è un effetto del trattamento o un risultato casuale.
Bupropione, Fluoxetina, terapie di sostituzione della Nicotina e Vareniclina riducono l’aumento di peso post-cessazione nel corso del trattamento.
Benché tale effetto non si mantenga un anno dopo l’interruzione del fumo, i risultati non permettono di escludere un modesto effetto a lungo termine.
I dati disponibili non sono sufficienti per emettere raccomandazioni cliniche forti su programmi efficaci per prevenire l’aumento di peso dopo la cessazione del fumo. ( Xagena2012 )

Farley AC et al, Cochrane Database of Systematic Reviews 2012, Issue 1. Art. No.: CD006219


Psyche2012 Endo2012 Farma2012


Indietro