EPA 2017
American Psychiatric annual meeting
Dermabase.it
XagenaNewsletter

Farmaci antipsicotici versus terapia cognitiva comportamentale versus combinazione di entrambi nelle persone con psicosi


E' disponibile poca evidenza riguardo ai confronti testa-a-testa di interventi psicosociali e interventi farmacologici nella psicosi.
Si è cercato di stabilire se uno studio randomizzato controllato di terapia cognitivo-comportamentale ( CBT ) rispetto ai farmaci antipsicotici versus una combinazione di entrambi sia fattibile in persone con psicosi.

È stato condotto uno studio pilota randomizzato in singolo cieco, condotto su pazienti con psicosi che hanno utilizzato il National Health Service di Greater Manchester, nel Regno Unito.
I partecipanti idonei avevano un'età pari o superiore a 16 anni; avevano soddisfatto i criteri ICD-10 per la schizofrenia, il disturbo schizoaffettivo o il disturbo delirante, o avevano soddisfatto i criteri di ingresso per un intervento precoce per la psicosi; erano in contatto con servizi di salute mentale, sotto la cura di uno psichiatra; avevano totalizzato un punteggio di almeno 4 voci di delirio o allucinazioni, o almeno 5 di sospettosità, persecuzione o elementi di grandiosità narcisistica alla scala PANSS ( Positive and Negative Syndrome Scale ); avevano capacità di consenso; erano in cerca di aiuto.

I partecipanti sono stati assegnati ad antipsicotici, alla terapia cognitivo-comportamentale o agli antipsicotici più terapia cognitivo-comportamentale.
La randomizzazione è avvenuta stratificando per sesso e stato del primo episodio.
La terapia cognitivo-comportamentale ha incorporato fino a 26 sessioni nell'arco di 6 mesi e fino a 4 sessioni di potenziamento.

La scelta e la dose di antipsicotico erano a discrezione del consulente del trattamento.
I partecipanti sono stati seguiti per 1 anno.

L'esito primario era la fattibilità ( cioè dati su reclutamento, mantenimento nello studio e accettabilità ) e l'esito primario di efficacia era il punteggio totale PANSS ( valutato al basale, 6, 12, 24 e 52 settimane ).

Gli effetti collaterali non-neurologici sono stati valutati sistematicamente con la scala ANNSERS ( Antipsychotic Non-neurological Side Effects Rating Scale ).

Dei 138 pazienti dello studio, 75 sono stati reclutati e assegnati in modo casuale: 26 a terapia cognitivo-comportamentale, 24 agli antipsicotici e 25 agli antipsicotici più terapia cognitivo-comportamentale.

L'abbandono è stato basso e il mantenimento nello studio è stato alto, con solo 4 ritiri su tutti i gruppi. 40 su 51 partecipanti ( 78% ) assegnati a terapia cognitivo-comportamentale hanno partecipato a 6 o più sessioni.

Tra i 49 partecipanti randomizzati agli antipsicotici, a 11 ( 22% ) non sono stati prescritti antipsicotici regolari.

La durata mediana del trattamento antipsicotico totale è stata di 44.5 settimane.

Il punteggio totale PANSS è risultato significativamente ridotto nel gruppo di intervento combinato rispetto al gruppo CBT (-5.65; P=0.019).

I punteggi totali PANSS non differivano significativamente tra il gruppo combinato e il gruppo con antipsicotici ( -4.52; P=0.064 ) o tra il gruppo con antipsicotici e il gruppo terapia cognitivo-comportamentale ( -1.13; P=0.637 ).

Significativamente meno effetti collaterali, misurati con la scala ANNSERS, sono stati notati nel gruppo terapia cognitivo-comportamentale, rispetto al gruppo con antipsicotici ( 3.22; P=0.017 ) o antipsicotici più terapia cognitivo-comportamentale ( 3.99; P=0.003 )

Solo un evento avverso grave è stato ritenuto correlato allo studio ( overdose di tre compresse di Paracetamolo nel gruppo terapia cognitivo-comportamentale ).

Uno studio clinico testa-a-testa di terapia cognitivo-comportamentale rispetto agli antipsicotici e rispetto alla combinazione dei due è fattibile e sicuro nelle persone con psicosi al primo episodio. ( Xagena2018 )

Morrison AP et al, Lancet Psychiatry 2018; 5: 411-423

Psyche2018 Farma2018


Indietro