Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazione di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina con il rischio di diabete di tipo 2 nei bambini e negli adolescenti


Esistono timori sul fatto che l'uso di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina ( SSRI ) aumenti il ​​rischio di sviluppare il diabete mellito di tipo 2 ( T2D ) negli adulti, ma le evidenze nei bambini e negli adolescenti sono limitate.
In assenza di uno studio clinico randomizzato, le evidenze devono essere generate utilizzando dati del mondo reale.

Sono state valutate la sicurezza dell'uso di farmaci SSRI nei bambini e negli adolescenti rispetto al rischio associato di diabete di tipo 2.

È stato condotto uno studio di coorte su pazienti di età compresa tra 10 e 19 anni con una diagnosi per un'indicazione di trattamento con farmaci SSRI nell'ambito del Medicaid Analytic eXtract nazionale ( MAX; dal 2000 al 2014 ) e dell'IBM MarketScan ( dal 2003 al 2015 ).

Sono stati analizzati nuovi utilizzatori di un farmaco SSRI e gruppi di confronto senza effetti metabolici avversi noti ( nessuna esposizione ad antidepressivi, esposizione a Bupropione cloridrato o esposizione a psicoterapia ).
I singoli farmaci SSRI all'interno della classe sono stati confrontati con Fluoxetina cloridrato.

L’esito principale era il diabete mellito di tipo 2 incidente durante il follow-up.

Nell'analisi sono stati inclusi in totale 1.582.914 pazienti ( 58.3% femmine; età media, 15.1 anni ).
Il gruppo trattato con SSRI ha incluso 316.178 pazienti nel database MAX ( assicurati pubblicamente; età media 14.7 anni; 62.2% donne ) e 211.460 nel database MarketScan ( assicurati privatamente; età media, 15.8 anni; 63.9% donne ) con almeno due prescrizioni di inibitori SSRI, seguiti per una media di 2.3 e 2.2 anni, rispettivamente.

Nei pazienti assicurati pubblicamente, l'inizio del trattamento con farmaci SSRI è stato associato a un rischio aumentato del 13% di diabete di tipo 2 ( hazard ratio aggiustato per intention to treat, aHR, 1.13 ) rispetto ai pazienti non-trattati.

L'associazione si è rafforzata per il trattamento continuo con farmaci SSRI ( aHR as-treated, 1.33; ), corrispondente a 6.6 ulteriori casi di diabete di tipo 2 per 10.000 pazienti trattati per almeno 2 anni.

Gli hazard ratio aggiustati erano più bassi nei pazienti assicurati privatamente ( aHR intent-to-treat, 1.01; aHR as-treated, 1.10 ).
I risultati sono stati simili quando si è confrontato il trattamento con inibitori SSRI con la psicoterapia ( aHR as-treated assicurati pubblicamente, 1.44; aHR as-treated assicurati privatamente, 1.21 ), mentre nessun aumento del rischio è stato osservato rispetto al trattamento con Bupropione ( aHR as-treated assicurati pubblicamente, 1.01; aHR as-treated assicurati privatamente, 0.87 ).

Per l'analisi all'interno della classe, nessun farmaco ha presentato un rischio maggiore di diabete di tipo 2 rispetto alla Fluoxetina.

Questi risultati hanno indicato che i bambini e gli adolescenti che iniziano il trattamento con gli inibitori SSRI possono avere un rischio leggermente maggiore di sviluppare diabete mellito di tipo 2, in particolare i pazienti assicurati pubblicamente.
L'entità dell'associazione è risultata più modesta di quanto riportato in precedenza e il rischio assoluto è stato piccolo. Il potenziale piccolo rischio deve essere considerato in relazione all'efficacia degli inibitori della ricaptazione delal serotonina per le principali indicazioni nei pazienti giovani. ( Xagena2021 )

Sun JW et al, JAMA Psychiatry 2021; 78: 91-100

Psyche2021 Endo2021 Pedia2021 Farma2021


Indietro