Forum Psichiatrico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Associazione di condizioni comportamentali e mediche in comorbilità con il disturbo da uso di Cannabis in gravidanza


L'uso prenatale di Cannabis continua ad aumentare, ma gli studi sulle caratteristiche demografiche, psichiatriche e mediche associate all'uso di Cannabis in gravidanza sono limitati dalle dimensioni e dall'uso dell'autovalutazione e spesso non considerano il disturbo da uso di Cannabis ( CUD ) o i disturbi concomitanti da uso di sostanze ( SUD ).
Comprendere i fattori associati a disturbo da uso di Cannabis in gravidanza è fondamentale per la progettazione di interventi mirati.

È stata esaminata la prevalenza di condizioni psichiatriche e mediche concomitanti di donne in gravidanza statunitensi ricoverate in ospedale con e senza disturbo da uso di Cannabis per disturbi concomitanti da uso di sostanze.

Lo studio ha analizzato i dati sulle dimissioni ospedaliere utilizzando il database Healthcare Cost and Utilization Project State Inpatient Database 2010-2018 in 35 Stati.

Le regressioni lineari ponderate hanno verificato se la prevalenza di condizioni psichiatriche e mediche differisse tra gli individui con e senza una diagnosi di disturbo da uso di Cannabis al ricovero.
Sono stati identificati i ricoveri ospedalieri di pazienti in gravidanza di età compresa tra 15 e 44 anni con diagnosi di disturbo da uso di Cannabis.
Per il confronto sono state identificate pazienti in gravidanza di età compresa tra 15 e 44 anni senza una diagnosi di disturbo da uso di Cannabis.
Le pazienti sono state ulteriormente stratificate in base a pattern di disturbi concomitanti da uso di sostanze: altro disturbo da uso di sostanze, inclusa almeno una sostanza controllata; altro disturbo da uso di sostanze, escluse le sostanze controllate; nessun altro disturbo da uso di sostanze.

L’esito principale era la prevalenza di caratteristiche demografiche, disturbi psichiatrici ( depressione e ansia ) e condizioni mediche ( epilessia e vomito ).

Il campione ha incluso 20.914.591 ricoveri di soggetti in stato di gravidanza. L'età media era di 28.24 anni.
Nel numero totale di ricoveri, 249.084 ( 1.19% ) implicavano il disturbo da uso di Cannabis, mentre 20.665.507 ( 98.81% ) no.
La percentuale di ricoveri prenatali con alla base disturbo da uso di Cannabis è aumentata da 0.008 nel 2010 a 0.02 nel 2018.

Le analisi hanno mostrato differenze significative nella prevalenza di quasi tutti gli esiti medici e psichiatrici esaminati tra i ricoveri con e senza diagnosi di disturbo da uso di Cannabis, indipendentemente dai disturbi concomitanti da uso di sostanze.

Sono stati osservati aumenti in depressione ( 0.089 ), ansia ( 0.072 ) e nausea ( 0.036 ) tra gli individui con disturbo da uso di Cannabis solo al ricovero rispetto agli individui senza disturbi da uso di sostanze al ricovero.

È stata osservata una crescita considerevole nella prevalenza di diagnosi di disturbo da uso di Cannabis tra gli individui ricoverati in ospedale prima della nascita e nella prevalenza di depressione, ansia, nausea e altre condizioni negli individui con disturbo da uso di Cannabis al ricovero.

Questo studio ha evidenziato la necessità di più screening, prevenzione e trattamento, in particolare nelle popolazioni con disturbo da uso di Cannabis e disturbi psichiatrici concomitanti.
La ricerca sui determinanti e sugli esiti associati ai disturbi da uso di Cannabis durante la gravidanza è necessaria per guidare medici, responsabili politici e pazienti nel prendere decisioni informate. ( Xagena2022 )

Meinhofer A et al, JAMA Psychiatry 2022; 79: 50-58

Psyche2022 Gyne2022 Farma2022



Indietro