Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Antipsicotici iniettabili a lunga durata d'azione versus antipsicotici orali per il trattamento di mantenimento della schizofrenia


L’evidenza dei benefici comparativi degli antipsicotici iniettabili a lunga durata d'azione ( LAI ) rispetto agli antipsicotici orali per la schizofrenia è stata incostante tra i disegni di studio.
Sono stati valutati i benefici comparativi degli antipsicotici iniettabili long-acting ( LA )rispetto agli antipsicotici orali in tre disegni di studio per indirizzare il processo decisionale clinico.

È stata effettuata una revisione sistematica completa e una meta-analisi confrontando gli antipsicotici iniettabili LA con gli antipsicotici orali per la schizofrenia coprendo tre disegni di studio: studi randomizzati controllati ( RCT ), studi di coorte e studi pre-post.

Sono stati inclusi studi della durata di almeno 6 mesi che hanno arruolato adulti con schizofrenia e disturbi correlati ( più dell’80% dei partecipanti ).
Sono stati esclusi gli studi sul Penfluridolo ( né un antipsicotico iniettabile LA né un antipsicotico orale quotidiano ), i case report e le serie di casi con meno di 20 pazienti.

Per l’esito primario è stato meta-analizzato il rapporto di rischio ( RR ) per l'ospedalizzazione o la recidiva con antipsicotici iniettabili LA rispetto agli antipsicotici orali mediante un modello a effetti casuali, con l'ospedalizzazione utilizzata preferenzialmente rispetto alla recidiva.
Per le analisi secondarie, è stato invertito l'ordine preferenziale della recidiva rispetto al ricovero, ed è stato valutato individualmente il rischio di ospedalizzazione e il rischio di recidiva. Altri esiti secondari hanno incluso tutti i dati meta-analizzabili, classificati in base alla rilevanza per l'efficacia e la sicurezza, la qualità di vita, la funzione cognitiva e altri esiti e sono stati analizzati dal disegno dello studio.
Gli esiti dicotomici sono stati espressi come RR aggregato e gli esiti continui come differenza media standardizzata ( SMD ).

Sono stati identificati 14.687 record, di cui 137 studi con 397.319 pazienti hanno soddisfatto i criteri di inclusione ( 32 RCT, 23.4%, 8.577 pazienti; 65 studi di coorte, 47.4%, 377.447 pazienti; 40 studi pre-post, 29.2%; 11.295 pazienti ) e sono stati analizzati.
La qualità degli studi in termini di rischio di bias variava tra i disegni di studio e all'interno di ciascun disegno di studio da bassa ad alta.

Gli antipsicotici iniettabili LA sono stati associati a un minore rischio di ospedalizzazione o recidiva rispetto agli antipsicotici orali in ciascuno dei tre disegni di studio ( RCT: 29 studi, 7.833 pazienti, RR 0.88, P=0.033; studi di coorte: 44 studi, 106.136 pazienti, RR 0.92, P=0.0044; studi pre-post: 28 studi, 17.876 pazienti, RR 0.44, P minore di 0.0001 ).

Questa associazione è stata mantenuta nei disegni di studio quando è stato invertito l'ordine preferenziale del rischio di recidiva rispetto al ricovero e nell'analisi individuale del rischio di ricovero.

L'associazione è stata mantenuta solo negli studi pre-post per il solo rischio di recidiva.
In tutti gli altri risultati relativi a efficacia, sicurezza, qualità di vita, funzione cognitiva e altri esiti, gli antipsicotici iniettabili LA hanno prodotto più benefici degli antipsicotici orali in 60 su 328 confronti ( 18.3% ), non-diversi in 252 confronti ( 76.8% ) e meno benefici in 16 confronti ( 4.9% ) se analizzati in base al disegno dello studio.

È stata osservata una significativa eterogeneità in tutti e tre i disegni di studio.
I bias di pubblicazione sono stati evidenti negli studi di coorte e pre-post, ma le dimensioni degli effetti sono state simili dopo le analisi trim-and-fill.

Sebbene i disegni degli studi abbiano punti di forza e di debolezza, inclusa la potenziale bassa qualità degli studi osservazionali, è stato costantemente identificato un beneficio significativo con gli antipsicotici iniettabili a lunga durata d'azione, rispetto agli antipsicotici orali, nella prevenzione dell'ospedalizzazione o delle ricadute, in contesti che vanno dalla ricerca ristretta ( RCT ) all'applicazione nel mondo reale ( studi di coorte e pre-post ).
I risultati hanno indicato che un maggiore uso clinico degli antipsicotici iniettabili LA potrebbe migliorare gli esiti nella schizofrenia. ( Xagena2021 )

Kishimoto T et al, Lancet Psychiatry 2021; 8: 387-404

Psyche2021 Farma2021


Indietro