American Psychiatric annual meeting
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
XagenaNewsletter
EPA 2017

AERS: il Risperidone potrebbe essere associato a rischio di tumore pituitario

Sembra esistere un’associazione tra sviluppo del tumore pituitario e l’impiego di farmaci per il trattamento della schizofrenia.
Questa relazione era già stata sospettata più di 20 anni fa.

Uno studio compiuto da Ricercatori della Duke University e dell’FDA ( Food and Drug Administration ) ha cercato di verificare l’associazione tra farmaci antipsicotici e tumore pituitario negli esseri umani.

Il Risperidone ( Risperdal ) è risultato associato al 70% dei tumori pituitari nel database AERS ( Adverse Events Reporting System ) dell’FDA.

Per l’esame del database AERS, gli Autori hanno impiegato l’algoritmo MGPS ( Multi-item Gamma Poisson Shrinker ).

Su 77 tumori pituitari associati ai farmaci antipsicotici, 54 ( 70% ) erano associati al Risperidone, seguito da Aloperidolo ( Haldol/Serenase ) e Ziprasidone ( Gedeon ).

Le complicanze tumorali comprendevano problemi visivi ( 9 segnalazioni ), convulsioni ( 2 ), cefalea ( 4 ), eventi cerebrovascolari ( 3 ), necessità di intervento chirurgico ( 7 ).


Il Risperidone è un potente antagonista del recettore dopaminergico D2.
Una funzione chiave della dopamina è quella di sopprimere il rilascio di prolattina.

L’aumento dei livelli plasmatici di prolattina è un effetto collaterale noto degli antipsicotici che bloccano il recettore D2 della dopamina.
Gli aumentati livelli di prolattina causano un accrescimento della ghiandola pituitaria, con conseguente sbilanciamento ormonale e sviluppo di tumore.

Nella maggioranza dei casi, i tumori pituitari sono benigni e la forma maligna è rara. ( Xagena2006 )

Fonte: Pharmacotherapy, 2006

Psyche2006 Onco2006 Farma2006




Indietro