WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
Reumatologia

Uso per breve periodo degli inibitori della ricaptazione della serotonina e rischio di sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore


L’uso a breve termine di farmaci SSRI ( inibitori della ricaptazione della serotonina ), anche per appena 7 giorni, ha aumentato il rischio di sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore, soprattutto nei pazienti di sesso maschile.
Proprio come con i farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) e l’Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ), si devono monitorare attentamente i pazienti per questo effetto collaterale.

L'associazione tra farmaci SSRI e rischio di sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore rimane controverso.
Studi precedenti hanno generalmente valutato il problema per circa 3 mesi, anche se l'inibizione mediata dai farmaci SSRI delle concentrazioni di serotonina piastrinica avviene entro 7-14 giorni.

È stato esaminato il rischio di sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore dopo esposizione di breve periodo a farmaci SSRI.

I dati dei pazienti psichiatrici con sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore sono stati recuperati dal database Taiwan National Health Insurance ( 1998-2009 ).

I tassi di utilizzo di antidepressivi sono stati confrontati per periodi di casi e controlli con finestre temporali di 7, 14 e 28 giorni ed è stata determinata l'associazione tra uso di farmaci SSRI ed emorragia del tratto gastrointestinale superiore.

In totale, sono stati arruolati 5.377 pazienti con sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore.

L'odds ratio aggiustato ( aOR ) per il rischio di sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore dopo l'esposizione a farmaci SSRI è stato pari a 1.67 per la finestra di 7 giorni, 1.84 per la finestra di 14 giorni e 1.67 per la finestra di 28 giorni.

Gli SSRI ad alta e media, ma non bassa, affinità per il trasportatore della serotonina sono stati associati con sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore.

Un elevato rischio di emorragia del tratto gastrointestinale superiore dopo esposizione a farmaci SSRI è stato osservato in pazienti di sesso maschile, ma non in quelli di sesso femminile.

In conclusione, l'uso per un breve periodo di farmaci SSRI ( 7-28 giorni ) è significativamente associato al sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore.
Possono esistere differenze di genere nella relazione tra uso di SSRI e sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore.
I medici dovrebbero monitorare attentamente i segni di sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore, anche dopo esposizione di breve periodo a SSRI, come si fa abitualmente con i farmaci anti-infiammatori non-steroidei e con l'Aspirina. ( Xagena2014 )

Wang YP et al, Am J Psychiatry 2014;171:54-61

Psyche2014 Gastro2014 Farma2014


Indietro