American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017

L'uso combinato di farmaci antidepressivi e di farmaci antinfiammatori aumenta il rischio di emorragia intracranica


I risultati di uno studio di coorte, retrospettivo, abbinato a punteggio di propensione, ha indicato un più alto rischio di emorragia intracranica tra i pazienti, soprattutto di sesso maschile, a cui erano stati prescritti gli antidepressivi e i farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), rispetto a quelli che assumevano solo antidepressivi.

E’ stato utilizzato il Korean Health Insurance Review and Assessment Service Database, i ricercatori hanno esaminato i dati di 4.145.226 pazienti con prescrizione di antidepressivi nel periodo 2009-2013.
Di questi, 2.072.613 avevano anche avuto una prescrizione di FANS durante il periodo di studio.

I pazienti a cui erano stati prescritti sia gli antidepressivi sia i farmaci antinfiammatori avevano un rischio più elevato di emorragia intracranica rispetto a quelli a cui erano stati prescritti solo antidepressivi ( hazard ratio, HR = 1.6 ).
Il rischio era più alto tra i maschi ( HR=2.6 ) versus le femmine ( HR=1.2 ).

Il rischio di emorragia intracranica non è risultato significativamente differente tra le classi di farmaci antidepressivi, e le comorbilità e l'uso di altri farmaci non ha aumentato il rischio di emorragia intracranica con l'utilizzo combinato di antidepressivi e antinfiammatori.

Dallo studio è emerso che l'aggiunta di FANS al trattamento antidepressivo aumenta il rischio di emorragia intracranica entro 30 giorni dall’inizio della assunzione della combinazione, specialmente negli uomini. ( Xagena2015 )

Fonte: British Medical Journal, 2015

Psyche2015 Reuma2015 Neuro2015 Farma2015


Indietro